image-title

Ivrea itinerario

Mercoledì 15 Maggio 2019

Guide Culturali: Umberto Vascelli Vallara, Paolo Galluzzi, Alberto Redolfi, Enrico Giacopelli, Paolo Mazzo

Ore 8.00: Partenza con pullman dal parcheggio di Via Mario Pagano.

Arrivo a Ivrea verso le ore 10.00: Accoglienza e presentazione della giornata di visita presso le Officine ICO. Visita delle architetture poste lungo via Jervis, asse principale di Ivrea e area “Core Zone” del sito UNESCO. Vedremo i principali edifici riconosciuti di interesse culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (MiBAC): la Fabbrica dei Mattoni Rossi, dove Camillo Olivetti nel 1896 realizzò la prima fabbrica; i tre ampliamenti delle Officine ICO di Figini&Pollini: il grande stabilimento progettato nel 1934 dai giovani architetti milanesi Luigi Figini e Gino Pollini e ampliato con successivi interventi nel dopoguerra; infine la Nuova ICO con la copertura dell’officina H di Eduardo Vittoria.
Proseguiremo verso un ampio spazio dialogante con il contesto verde: sapientemente organizzato e progettato da Ignazio Gardella, la “mensa operai” si distingue dalla mensa degli impiegati al palazzo uffici. Seguirà la visita del Centro Studi e della Centrale Termica entrambi progettati da Eduardo Vittoria; l’Asilo Nido e i Servizi Sociali, due architetture progettate da Figini e Pollini espressione della innovativa visione aziendale di Adriano Olivetti volta a favorire la qualità di vita dei dipendenti e delle loro famiglie; l’ex- Sertec, un’interessante soluzione architettonica integrata nella morfologia del contesto e progettata da Ezio Sgrelli per la società di progettazione creata dall’ingegnere Antonio Migliasso. Sempre nello spirito olivettiano di programmare l’integrazione sociale dei dipendenti vedremo le case del quartiere Castellamonte e l’Unità Residenziale Ovest, conosciuta localmente come “talponia”, che rappresenta l’originale inserimento di una precisa forma geometrica nel contesto geomorfologico abilmente giocato dagli architetti Roberto Gabetti e Aimaro Oreglia d’Isola, con curiosi effetti nel reciproco rapporto tra la disposizione circolare delle residenze e il centro della forma. La mattinata si concluderà con la visita dei due palazzi direzionali di Annibale Fiocchi e di Gino Valle. (Ci si muoverà a piedi). Pranzo al Circolo Canottieri Sirio posto nel quadro naturale di una formazione morenica di grande effetto “la Serra” che disegna al confine con il cielo una linea perfettamente orizzontale.

Alle 14.30 si riprenderà la visita con le Case d’abitazione per dipendenti progettate dall’architetto Emilio Tarpino; avremo occasione di visitare il complesso “la Serra”, altro residenziale posto ad est e progettato dagli architetti Cappai e Mainardis, un’opera ricca di intuizioni formali di grande originalità. Visiteremo infine le realizzazioni olivettiane del quartiere Canton Vesco con la scuola elementare dell’urbanista Lodovico Quaroni, sostenitore di Comunità, il movimento partecipativo di Adriano Olivetti, e la scuola dell’infanzia di Mario Ridolfi (oggi sede dell’archivio nazionale del cinema d’impresa e pubblicitario).
Non potremo lasciare Ivrea senza essere entrati nella chiesa di San Bernardino affrescata con le storie della vita e passione di Cristo del pittore quattrocentesco Gian Martino Spanzotti che, come dice Roberto Longhi, “è significante che…sappia congegnare tra gli affreschi di Ivrea almeno tre scene a lume di notte…veramente un anticipo dei caravaggeschi”.

Ore 20.00 circa: Rientro previsto a Milano.

 

È garantito l’ingresso in alcuni edifici che solitamente non sono visitabili e aperti al pubblico.

ISCRIZIONI ENTRO E NON OLTRE VENERDI’ 10 MAGGIO

Minimo 15 partecipanti

Contributo per Italia Nostra: € 120,00

Per eventuali comunicazioni urgenti dell’ultimo momento potete chiamare: 00 39 345 433 9009

Allegati

Leggi tutto ...
image-title

Gita culturale

Ivrea, quando la cultura d’impresa si fa immagine del territorio

mercoledì 15 maggio  2019

Guide culturali: Umberto Vascelli Vallara, Paolo Galluzzi, Alberto Redolfi,
Enrico Giacopelli, Paolo Mazzo

Imprenditore, politico, editore e fine umanista, Olivetti lavorò non soltanto per la propria azienda, ma soprattutto per rinnovare completamente i modi e il senso del lavoro industriale in Italia. Il concetto di “comunità” spinse l’imprenditore a considerare la fabbrica come il luogo produttore di bene e non di beni, in un’ottica che non limitasse il profitto al mero arricchimento ma che lo intendesse come un plus da reimpiegare sul territorio, sulla qualità della vita dei lavoratori e sull’ecosistema. Per adattare il lavoro alle esigenze dell’uomo, Olivetti portò in fabbrica poeti e intellettuali, animando i propri operai con proiezioni di film, biblioteche e servizi sociali all’avanguardia. Il suo fu il tentativo di creare un nuovo modello umano, fatto di solidarietà tra imprenditori e operai, tra fabbrica, città e campagne circostanti.

Visiteremo il MAAM (Museo dell’architettura moderna di Ivrea) vero e proprio museo a cielo aperto, che si snoda lungo via Jervis e le aree contigue su cui sorgono gli edifici più rappresentativi della cultura olivettiana: dalle Officine ICO al Centro Servizi Sociali, palazzina pensata per accogliere una biblioteca, servizi sociali e assistenziali, dal Centro Studi e Esperienze, con un disegno che ricorda le opere di Frank Lloyd Wright, all’Unità Residenziale Ovest, una vera e propria opera di land architecture perfettamente mimetizzata e integrata con l’ambiente naturale circostante.

Leggi tutto ...
image-title

Gita culturale

Dall’Abbazia di Polirone a Mantova navigando nel Parco Naturale del Mincio

Sabato 11 maggio 2019

Guida culturale: Giovanni Fossati

Visita all’antichissima Abbazia di San Benedetto Po con la chiesa abbaziale del XVI secolo, tre chiostri di periodi diversi, la sala capitolare ed il refettorio. Imbarco sulla motonave che, navigando prima sul Po e poi sul Mincio, ci porterà a Mantova attraverso il Parco Naturale del Mincio, con splendide viste sulla vegetazione spontanea e osservazioni della numerosa fauna avicola. Pranzo a bordo, sbarco a Mantova in vista di Castel San Giorgio. Breve percorso nel centro storico. A Curtatone visiteremo la Basilica della Beata Vergine delle Grazie di fine ‘300, L’interno riccamente decorato offre un’unica ed inaspettata visione di una folla di svariati personaggi miracolati; sono rappresentati in apposite nicchie lignee che ricoprono le pareti laterali della chiesa dal soffitto della quale pende un coccodrillo imbalsamato!

Leggi tutto ...
image-title

Nasce il gruppo Italia Nostra Giovani

In data 21 dicembre 2018 si è costituito il gruppo Giovani di Italia Nostra, composto da dieci giovani soci delle sezioni di Augusta, Lentini e Troia. L’esigenza di costituire questo gruppo nasce dalla constatazione che i giovani non sono molto presenti nella vita associativa di Italia Nostra, pur essendo interessati e sensibili alle tematiche ambientali.

Partendo dalla riscoperta del pensiero di Giorgio Bassani in occasione della ristampa dei suoi scritti nel volume “Italia da salvare Gli anni della Presidenza di Italia Nostra (1965-1980)”, il Gruppo Giovani si fonderà sui valori storici dell’associazione, puntando a lasciare che i giovani “occupino l’arte e la natura”, citando proprio Bassani. Occupare nel senso di impiegare tempo e risorse per permettere ai coetanei di godere della bellezza, della delicatezza e della potenza del nostro Territorio e anche occupare nel senso di prendersi cura degli altri.

Non sarà facile intercettare i giovani ed appassionarli a questioni che possono in apparenza sembrare noiose come le cubature di appartamenti, le energie rinnovabili, la plastica, la tutela di un parco naturale. Il compito del Gruppo Giovani sarà quello di far emergere uno spirito critico e civico sulle questioni ambientali e culturali per promuovere tra i coetanei l’interesse al futuro della a volte ignorata Grande Bellezza.

Il Gruppo è costituito da:

Coordinatore –  Luigi Rauseo

Vice-Coordinatori – Roberta Blancato Giorgio Franco

Segretario – Francesco De Michele

Responsabile alle Comunicazioni – Silvio Milano

“Non nascondo affatto l’emozione di questo primo passaggio”, ha dichiarato Luigi Rauseo in occasione della riunione telematica tenutasi il 21 dicembre.  “Siamo determinati e certi di affrontare gli impegni che ci siamo prefissi: in particolare il nostro obiettivo è quello di conoscersi, incontrarsi e formarsi, con lo scopo ultimo di far diventare Italia Nostra un centro di cultura giovanile, a contatto con i valori che possiamo qui apprendere e tramandare. Infatti, siamo convinti che un giovane che respiri per la prima volta in Italia Nostra il Senso Civico e che qui muova i primi passi nell’Impegno Civile, non abbandonerà mai questi ideali, di cui siamo fieri protagonisti ogni giorno.”

La presidente nazionale, Mariarita Signorini, a nome di tutto il CDN di Italia Nostra ringrazia i giovani Soci che hanno deciso di mettersi in gioco con passione e coraggio. “A loro va l’augurio di tante belle e vitali battaglie civiche, affinché nasca una nuova generazione capace di raccogliere il testimone lasciato dai grandi fondatori dell’associazione: Umberto Zanotti Bianco, Giorgio Bassani, Desideria Pasolini dall’Onda e Antonio Cederna,” dichiara Mariarita Signorini.

Mariarita Signorini – Presidente Nazionale di Italia Nostra

Luigi Rauseo – Coordinatore Gruppo Giovani di Italia Nostra

Vi ricordiamo che coloro i quali siano interessati a partecipare attivamente a questo gruppo formulando idee e proposte in merito ad iniziative e campagne possono inviare un’email all’indirizzo troia@italianostra.org dove saranno poi aggiunti alla mailing list ed ad un gruppo Facebook per facilitare le comunicazioni.

Inoltre vi invitiamo a seguire la pagina Facebook Italia Nostra Giovani: https://www.facebook.com/italianostragiovani/

Leggi tutto ...
image-title

Ciclo di conferenze 2019

La Villa Simonetta tra passato e futuro

Relatore: Giovanni Fossati

Villa Simonetta è una delle più importanti costruzioni rinascimentali ancor oggi presenti a Milano. Un’occasione per ripercorrere la sua storia, approfondire la sua conoscenza e per presentare le proposte formulate da Italia Nostra per il futuro della Villa.

 

 

Lunedì 29 aprile 2019
ore 18.00

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti disponibili

Leggi tutto ...
image-title

La Cultura del Territorio

Ciclo di conferenze 2019

Ivrea, quando la cultura d’impresa si fa immagine del territorio

Paolo Galluzzi, Dipartimento Architettura e studi urbani  Politecnico di Milano

La visione imprenditoriale di Adriano Olivetti ha fortemente improntato l’immagine della città di Ivrea, immagine che si riflette nelle architetture concepite in un clima culturale che guarda alle più avanzate esperienze architettoniche del Novecento.

 

Lunedì 15 aprile 2019
ore 18.00

Sala Conferenze – Piano terra
Via Duccio di Boninsegna, 21/23 – Milano

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

Leggi tutto ...
image-title

La Cultura del Territorio

Ciclo di conferenze 2019

Il ruolo degli ecomusei per la valorizzazione dei paesaggi culturali

Prof. Elena Mussinelli, Raffaella Riva (Politecnico di Milano) e Grazia Aldovini (Regione Lombardia)

Nell’ambito del ciclo di incontri “La Cultura del Territorio” si è ritenuto opportuno approfondire il tema degli ecomusei, strumenti di riferimento culturale che propongono modelli ed esperienze di sviluppo locale basati sulla valorizzazione integrata e partecipata dei paesaggi e dei patrimoni culturali.

Nati in Francia negli anni Settanta e successivamente diffusi a livello mondiale, gli ecomusei educano le comunità locali a riconoscere il valore del proprio patrimonio culturale e paesaggistico e le accompagnano a sviluppare capacità progettuali per la sua trasformazione. Promuovono azioni di sensibilizzazione, informazione, formazione, ricerca, sperimentazione e partecipazione attiva, orientate allo sviluppo sostenibile. Così connotati gli ecomusei assumono un ruolo di riferimento per il progetto del paesaggio.

La conferenza, a partire dall’illustrazione di cosa sono e di come si sono evoluti gli ecomusei, presenta l’esperienza della Regione Lombardia che ne promuove la costituzione, il riconoscimento e il monitoraggio.

 

Tra gli ecomusei riconosciuti dalla Regione Lombardia, l’Ecomuseo del Paesaggio di Parabiago e l’Ecomuseo Urbano Metropolitano di Milano nord saranno il tema conduttore della visita guidata in programma per martedì 9 aprile 2019.

Martedì 26 marzo 2019
ore 18.00

a cura di Umberto Vascelli Vallara

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

Leggi tutto ...